Kyiv
,

Ucraina blocca l’accesso alle reti sociali “V kontakte” ed “Odnoklassniki” (“Classmates”) – Decreto del Presidente Poroshenko

Ucraina blocca l’accesso  alle reti sociali “V kontakte” ed “Odnoklassniki” (“Classmates”) – Decreto del Presidente Poroshenko
Kyiv, il 16 maggio 2017.

 Il Presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko  ha firmato il Decreto sulle nuove sanzioni contro la Russia ,le quali prevedono, in particolare, di bloccare l’accesso alle reti sociali russe “Vkontakte” , “Odnoklassniki” ed al motore di ricerca “Yandex”. Il testo del Decreto è stato pubblicato sul sito ufficiale del Capo dello Stato. Nel Decreto viene sottolineato, che l’accesso verrà bloccato per la durata di tre anni. I prestatori di servizi dovranno anche bloccare l’accesso ai servizi  del portale Mail.ru.

Le sanzioni economiche (congelamento dei beni, divieto di transazioni e di trasmissione) sono state imposte contro le compagnie  televisive russe più grandi: “TV Center” “VGRTK”,RTR, “NTV-Plus”, “Star”, TNT, REN-TV.
Il pubblico ucraino che, mensilmente, visita la rete sociale “VKontakte” ammonta a quasi 12 milioni di persone, invece “Odnoklassniki” a 5 milioni. Questi 17 milioni rappresentano il 40,5% della popolazione dell’ Ucraina (42 milioni). L’attitudine della popolazione ucraina sui tentativi di bloccare i social network è estremamente negativa e la fiducia verso il Governo diminuirà ancora di più.

Reazione della comunità dei mass media ed esperti

I giornalisti ed esperti dei media hanno invece un parere diverso. La maggior parte della comunità dei media ha protestato contro il Decreto, vedendolo come un attacco  sulla libertà di espressione. ” Noi stiamo diventando la Russia, ma senza il petrolio” ha commentato il filosofo Mykhailo Minakov.

Un’altra parte degli esperti era invece favorevole al Decreto. “Se sarà possibile farlo, questo sarà il più grande contributo alla protezione della sovranità delle informazioni dell’ Ucraina” ha commentato Yevhen Fedchenko, fondatore di StopFake.

Vitaliy Moroz, Capo del Dipartimento di media  presso l’organizzazione pubblica “Internews-Ucraina”, ha sottolineato che la logica delle autorità era  di dare la risposta da parte del Governo sulle  minacce informative da parte della Russia. Queste minacce sono reali, ma gli esperti hanno dei  dubbi che questa sia una  risposta adeguata nei loro confronti.
“Questo sarà un colpo significativo, diretto contro  la libertà di Internet in Ucraina, dove il paese deteriora il suo rating  in modo significativo   nei confronti della comunità internazionale – ha aggiunto Moroz.

Molti esperti hanno notato che nel  XXI  secolo   è fisicamente impossibile limitare l’accesso all’internet se non come in Cina tramite un firewall nazionale.
“In Ucraina  ci sono centinaia di provider di servizi Internet che rispettano, invece, le sentenze del tribunale, relative  al blocco. La sentenza del tribunale  si basa sui reati specifici.Per  limitare l’accesso ai siti web  ci vogliono risorse molto grandi  a spese dei fornitori. Suppongo che questo decreto è fisicamente impossibile da eseguire ” ha riassunto Moroz.

Ucraina nel mondo

Nel 2016 Facebook è stato vietato in 8 paesi del mondo, Messenger  WhatsApp in 12, Telegram in 4.

In Cina, Siria, Iran, Etiopia, Uzbekistan, Cuba, Arabia Saudita, Bahrain esistono limitazioni severe in materia di social network. Finora il livello di libertà su Internet in Ucraina è stato valutato come “parzialmente libero”.

Condividi sui social network

Twitter