Kyiv
,

Gli attivisti dei diritti umani in Ucraina più spesso diventano un bersaglio per gli attacchi e persecuzioni

Kyiv, il 31 maggio 2017.

Secondo il Centro di informazioni sui diritti umani  (Human Rights Information Center) gli attivisti e difensori dei diritti umani in Ucraina diventano  più spesso il bersaglio per attacchi e persecuzioni, ma i colpevoli di tali crimini non vengono rinviati a giudizio. Contro gli attivisti stessi  vengono avviati i procedimenti penali in un paio d’ore, ed in mass media vengono svolte le campagne diffamatorie.

“Nella maggior parte dei casi, quando c’erano gli attacchi e le persecuzioni contro gli attivisti, i colpevoli non sono stati indagati. Tale impunità è una valanga, che continua ad aumentare. Quando avviene un attacco, abusi fisici e non c’è l’indagine efficace, c’è un’alta probabilità che tutto si ripeterà ancora e ancora “- ha detto Tatiana Pechonchyk, presidente del Centro per le informazioni sui diritti umani durante la discussione  presso UCMC.

Vale la pena contare sugli organi della tutela dell’ordine?

“Negli ultimi tre anni abbiamo avuto 400 ore di interrogatori. Ma se ci arrendiamo, allora l’altra parte vincerà. Forze dell’Ordine oggi non hanno avviato nessun procedimento penale, relativo agli attacchi, minacce, scredito nei confronti  delle ONG in Ucraina. Ma dopo la pubblicazione su Facebook un anno fa è stato avviato un procedimento penale dopo un’ora, “- ha detto Dmitry Sherembey, Presidente del Consiglio di Coordinamento dell’Organizzazione di Beneficienza  Panucraina – ” Rete panucraina delle persone che vivono con l’HIV / AIDS “.

Molti soffrono dall’oppressione, sopratutto,  gli attivisti che lottano alla corruzione, contro i quali vengono svolte massiccie campagne diffamatorie in mass media, ma gli attivisti di altri settori sono anche  vulnerabili alla tirannia. Uno può capitare in corsia di terapia intensiva per l’opposizione alla fabbrica che inquina i villaggi vicini oppure avere 15 giorni di arresto amministrativo per le riprese di un giudice che conduce la seduta senza un mantello. “Il giudice ha cercato di vietare le riprese, ha chiamato la polizia, […], che mi ha portato alla stazione di polizia. Nessun protocollo è stato compilato. Lo stesso giudice senza l’avvocato mi ha condannato a 15 giorni di arresto. Nessuno ha avuto il permesso di venir a trovarmi, ne avvocato e nemmeno i parenti. La mia condizione era sull’orlo di un ictus, ma esisteva il divieto del mio ricovero in ospedale. Dopo essere stato rilasciato ho lottato per quattro mesi per iscrivere questo fatto  nel registro delle indagini preliminari. É  stato possibile solo attraverso il tribunale, “- ha detto Maxim Kornienko, Direttore del centro di coordinamento”Difensore dei diritti umani”.

É facile difendere  diritti umani sui territori occupati?

Le persone, che lavorano sui territori temporaneamente fuori controllo, devono ricevere  cosiddetto “accreditamento” da parte delle strutture locali per il suo lavoro del giornalista o per le ricerche sociologiche. Purtroppo ,loro cognomi dopo vengono inseriti nella database di “Myrotvoretz” (“Conciliatore”- organizzazione non governativa, dedicata allo studio dei segni di reati contro la sicurezza nazionale dell’Ucraina, la pace, la sicurezza umana e il diritto internazionale) con le accuse di essere separatisti. Ma questa definizione può colpire chiunque. Non ci sono le qualifiche chiare. Se una persona ha partecipato agli eventi di Antimaydan (“proteste”, che venivano organizzate dagli organi del potere negli Stati postsovietici per motivare l’appoggio della linea generale degli organi del potere e  per creare alternativa alla protesta del popolo), non come un partecipante attivo, ma semplicemente era presente, la società dava il consenso per  provocare lesioni. Con questi piccoli passi andiamo al di là dei diritti umani “- ha detto Nina Potarska, consulente della Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà.

Come va cambiata la situazione?

Lo Stato deve proteggere la società civile per esplorare in modo efficace le crimini. “La questione non è solo in Legge, ma anche nello sviluppo di una società sana. Le persone che criticano il Governo devono essere protetti dallo stesso Governo. La sua civiltà si misura proprio così, “- ha riportato Gary Hummel, Direttore per i problemi della politica presso il Comitato di Helsinki nei Paesi Bassi .

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema