Kyiv
,

Il Comitato per la protezione dei giornalisti (Committee to Protect Journalists): l’indagine per l’omicidio di Pavel Sheremet è di fatto congelata.

Kyiv, il 12 luglio 2017.

L’indagine relativa all’omicidio di Pavel Sheremet, giornalista di “Ukrainska Pravda” (“La Verità Ucraina”), ucciso il 20.07.17 alle ore 07.45, in un’automobile fatta esplodere, è di fatto congelata e ci sono tante domande rivolte agli organi istruttori (maggiori informazioni possono essere trovate nelle pubblicazioni precedenti). Su questo fatto hanno riferito i rappresentanti del Comitato della protezione dei giornalisti (CPJ) sulla base dei risultati dell’indagine finora noti durante il briefing presso l’UCMC.

Indagine congelata: quali sono le pretese nei confronti dell’indagine

La causa è in realtà congelata. Il movente del delitto non è stato stabilito. Gli sforzi considerevoli e il tempo sono stati spesi per indagare sugli indizi, in assenza completa di prove o in presenza di prove insufficienti , mentre ad altri aspetti non è stata prestata la dovuta attenzione. I killer, che sono stati ripresi dalla camera di videosorveglianza durante la posa della bomba, non sono stati identificati e dell’arresto non se ne parla proprio. Le prove video più importanti divennero note solo grazie ai giornalisti investigatori che le hanno reperite e incluse nel documentario “L’omicidio di Pavel.” […].Decine di persone con cui ho parlato  durante le indagini, compresi la famiglia di Pavel , i suoi amici e colleghi, hanno accusato gli agenti di polizia di incompetenza, ignoranza o sabotaggio, o di una combinazione di tutti e tre i fattori in serie”, ha dichiarato Christopher Miller, il membro del Comitato per la protezione dei giornalisti e giornalista di “Radio Liberty”, presentando i risultati dell’indagine.

“Gli investigatori dicono che il caso ha centinaia di volumi, ciascuno dei quali contiene centinaia di pagine. Loro hanno dichiarato più volte  che considerano il caso una priorità e stanno lavorando attivamente sull’indagine. Ma adesso, un anno dopo l’omicidio, ancora nessun sospetto è confermato, nessuno è stato arrestato,  non sono stati avviati dei procedimenti penali, la giustizia non viene ripristinata”, ha riferito Nina Ognianova,  coordinatrice  del Programma per la protezione dei giornalisti in Europa ed Asia.

Tre domande chiave rivolte agli organi istruttori da parte del Comitato per la protezione dei giornalisti: chi concretamente, quale funzionario e di quale istituzione è responsabile per l’indagine; chi ha seguito i giornalisti del portale “Ukrainska pravda” poco prima dell’omicidio di Pavel; e perché la polizia non ha pubblicato le foto della donna che ha messo l’esplosivo dentro la macchina. Quest´ultimo particolare sarebbe di grande aiuto nella ricerca degli autori.

Ci saranno degli sviluppi positivi nelle indagini

Joel Simon, il Direttore esecutivo del Comitato per la protezione dei giornalisti, ha detto che ieri, durante una conversazione dei membri del Comitato con Petro Poroshenko, è apparsa la speranza di un certo progresso. “Il Presidente Poroshenko ha proposto di includere nel gruppo di investigatori ucraini uno specialista straniero di fama mondiale. La creazione di questo meccanismo richiede il consenso e il sostegno della società civile ucraina, ma questo fatto conferirà credibilità all’indagine e assicurerà il monitoraggio indipendente ” ha detto.

Nelle sue raccomandazioni, il Comitato consiglia all’istruzione di intensificare le indagini e di orientarsi verso l’attività di Pavel in Ucraina , cercando l’eventuale motivo dell´ assassinio; di allegare alla causa i fatti, che sono stati trovati dall’inchiesta indipendente; di fare relazioni periodiche sullo stato delle indagini e di rispondere rapidamente alle relative richieste da parte dei media.

“Il fallimento dell’indagine genera il sentimento di impunità: i giornalisti possono essere uccisi, intimiditi, minacciati … Dobbiamo sapere  chi ha ucciso Pavel Sheremet. Se l’Ucraina vuole veramente diventare il Paese che ha l’intenzione di diventare, essa lo deve sapere. Tutto il mondo lo vuole sapere ” ha detto Alan Rasbridger, membro del consiglio del Comitato per la protezione dei giornalisti, ex- redattore Capo di “Guardian” (The Guardian) di Londra.

 

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema