Come governa il più giovane capo di villaggio in Ucraina?

Come governa il più giovane capo di villaggio in Ucraina?

L’UCMC vi offre una traduzione breve dell’articolo del Deutsche Welle sull’aspetto dell’età nel successo del decentramento.

La riforma del decentramento del potere è stata effettuata nel 2014. Gli enti locali hanno ricevuto più autonomia, la struttura territoriale dell’autogoverno locale è stata cambiata: sono apparse comunità territoriali unite ed efficienti dal punto di vista logistico. Inoltre, esiste un altro aspetto del decentramento meno evidente: la percentuale dei giovani in uffici eletti è cresciuta.

I primi giorni in carica

È già da due settimane che Oleg Karapinka è il più giovane presidente del villaggio in Ucraina. Ha solo 22 anni. Quest’estate, ha ottenuto una laurea presso l’Università Nazionale Politecnica di Lviv, anche se vorrebbe continuare gli studi e inscriversi ad un Master in amministrazione aziendale. Questo è già il terzo diploma del giovane capo. Dietro le spalle ha anche il diploma del College di radioelettronica di Lviv e del College della cultura e dell’arte di Sambir.

Sotto la sua ammnistrazione ci sono due villaggi nel distretto Gorodotskyi, regione di Lviv – Drozdovychi e Galychany – in totale circa un migliaio e mezzo di persone.

I primi giorni nel nuovo ufficio non sono stati difficili per il ragazzo. “Non sono una persona venuta fuori dal nulla che si è improvvisamente trovata in questo incarico. Due anni prima sono stato un deputato del consiglio di quartiere, conosco i problemi avendo discusso molto con il precedente capo del villaggio. Sapevo cosa aspettarmi”, dice Karapinka. E nonostante la sua stanza di attesa sia vuota in questo momento, il capo riceve qualche visitatore al giorno. Di regola, le persone vengono con la richiesta di rogare un atto su terreno o un’ammissione ai sovvenzioni.

Queste richieste, dice Karapinka, non sono complicate, tuttavia bisogna consultare molti documenti, quindi in realtà di lavoro c’è ne tanto. L’unica cosa che è riuscito a fare in due settimane a parte il suo incarico è stata quella di svuotare un pò l’armadio dai documenti lasciati dal suo predecessore. Di suoi libri personali ha portato nel ufficcio per il momento solo due manuali – “Come scrivere microprogetti per le comunità” e “Esempi di documenti aziendali scritti”. Onestamente riconosce: se non sa che documento gli viene richiesto da firmare, lo mette da parte, lo studia e il giorno dopo lo firma.

Grandi ambizioni

Karapinka afferma di avere grandi ambizioni: prima di diventare un deputato del consiglio regionale, e poi del Verkhovna Rada (il parlamento). È catturato dalla grande politica fin dall’infanzia. Osservando le corse elettorali ha imparato due lezioni: stare attento ai partiti e non fare promesse vuote. La sua campagna elettorate è stata proprio così: senza promesse e senza essere sostenuto dai partiti politici.

La sua campagna elettorale non è stata difficile siccome ha avuto solo un concorrente e addirittura due volte più anziano. “Già sapevano che ero un deputato. Hanno  visto che qualcosa facevo. Abbiamo iniziato la riparazione stradale in Galychany – abbiamo scelto blocchi di pavimentazione siccome è più economico dell’asfalto. Se si forma una fossa, sarà più facile sostituire qualche blocco che toppare l’asfalto. Abbiamo anche trovato i soldi  per acquistare apparecchiature mediche per una stazione paramedica e ostetricia a Drozdovychi. Abbiamo rinnovato progettazione sonora nella Casa del popolo in Galychany”, racconta Karapinka.

I suoi villaggi non sono i più poveri. Sul territorio di uno si trova una fabbrica di mattoni, e dell’altro un’azienda che produce tappetini di gomma per auto. In totale, il bilancio dei due villaggi è leggermente superiore a un milione di hryvnia. Questo non è tanto ma neanche poco, dice Karapinka. Secondo i suoi calcoli, per fornire l’intero villaggio con luci LED di strada servirebbero fino a 200 mila hryvnia. Ha anche altri piani: la strada nel suo nativo Drozdovychi, la sistemazione dello stadio e l’approvvigionamento idrico per i contadini. I soldi possono non bastare per realizzare tutto pianificato. Quindi, il giovane capo intende chiedere sovvenzioni dal bilancio distrettuale o quello regionale.

I giovani per il capo nuovo

I giovani qui sono ottimisti e quindi hanno affidato i loro voti ad un giovane amministratore. Credono che li capisca meglio.

“Se lo vuole fare, lasciamo che lo faccia. È stato membro del  consiglio distrettuale di Gorodok, quindi dovrebbe già sapere qualcosa”, dice a proposito del nuovo capo giovane residente locale Roman Chornyi.

Alcuni della generazione anziana hanno ancora pregiudizi verso il giovane capo. Per esempio,  Marai Zharovska, che per 45 anni ha lavorato come adetta alla contabilità nel  consiglio del villaggio di Galychansk, e quindi ha collaborato con una dozzina di capi del villagio. “I giovani pensano che verrebbero e farrebbero tutto e subito. Ma non succede così. Perchè questo è denaro pubblicoo ed esiste una ripartizione mensile. Succede che certi fondi non arrivano per poter fare le spese. Non si fanno in fretta queste cose. E i giovani sono giovani. Vogliono tutto e subito”, dice la donna.

La lotta per la terra

E per far sì che si faccia tutto e subito, il villaggio dovrebbe fare  soldi, crede Karapinka. Per questo scopo, secondo lui, prima di tutto è necessario restituire la terra del villaggio che è stata catturata dagli imprenditori disonesti. Si tratta di 515 ettari, principalmente sotto i laghi. Se il capo riesce di riprendere questi territori, pianifica di trasformarli in aree ricreative con spiagge e altre infrastrutture. In questo modo i villaggi potrebbero fare soldi. Rendere le sue località ricche – questo è l’obiettivo del giovane amministratore.

Foto: Deutsche Welle.

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema