Kyiv
,

2 miliardi di hryvnia spesi nel 2016 per rinnovare l’infrastruttura nella regione del Donetsk – capo dell’amministrazione regionale

Kyiv, il 19 gennaio 2017.

L’anno scorso, sono stati spesi 2 miliardi di hryvnia per ristrutturare o costruire le infrastrutture nella regione del Donetsk. Questi fondi di finanziamento sono stati allocati dal Fondo statale per lo sviluppo regionale, dall’ United Nations Development Programme (UNDP), dal governo giapponese e dalle organizzazioni internazionali di beneficenza. “La maggior parte di questi fondi sono stati investiti nelle infrastrutture di base, nelle scuole e nelle medicine”, ha riportato Pavlo Zhebrivskyi, capo dell’amministrazione regionale civile-militare di Donetsk durante una conferenza stampa presso l’Ukraine Crisis Media Center nell’ambito del progetto UCMC “Rechnyk myrnogo zhyttia” (Il portavoce della vita pacifica).

L’infrastruttura di base

I fondi del Fondo statale per lo sviluppo regionale sono stati spesi per rinnovare le infrastrutture di approvvigionamento idrico, tre ponti distrutti dai militanti e le linee elettriche di cinque villaggi sulla linea del fronte, che attualmente ricevono l’energia dal territorio controllato dal governo. Inoltre, è stato rinnovato un vecchio ponte in Kostyantynivka. I donatori internazionali, come “People in Need” e ADRA, hanno aiutato ai civili nella zona del fronte a ristrutturare le loro case. È stato anche costruito un gasdotto per Maryinka e Krasnogorivka in collaborazione con la Croce Rossa. “Purtroppo non è stato ancora possibile lanciarlo siccome i militanti sostenuti dalla Russia non ci danno l’accesso per installare una stazione di distribuzione del gas”, ha proseguito Pavlo Zhebrivskyi. Infine, è stata anche ricostruita una torre televisiva sulla collina Karachun, che attualmente copre il territorio di 63 km.

I centri di servizi amministrativi sono stati aperti in Druzhkivka e Mariupol. Il centro in Mariupol è stato finanziato dal bilancio regionale e quello statale, nonché dagli imprenditori.

Mariupol dovrebbe ancora affrontare la sfida di diversificare le fonti dell’approvvigionamento di acqua. Infatti, al momento, l’acqua proviene dai territori occupati. Se quest’infrastruttura dovesse essere danneggiata durante un’ azione militare, 500 migliaia di persone che vivono in Mariupol rimarrebbero senza acqua. La costruzione di un canale per fornire l’acqua dal fiume Dnipro costa 600 milioni di euro e potrebbe durare cinque anni. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di desalinizzare l’acqua. Il progetto costerebbe 50 milioni di euro; tuttavia, il prezzo finale per i consumatori non è stato ancora calcolato. La terza alternativa sarebbe quella di fornire acqua dai bacini di stoccaggio dell’acqua più vicini. Comunque, per ragioni tecniche l’aqua potrebbe essere fornita solo 6 ore al giorno, cosa che potrebbe portare un aumento di prezzo per i consumatori delle altre città. “Cerchiamo di trovare una soluzione a questo problema, tuttavia sarebbe meglio aspettare de-occupazione e iniziare a usare il canale di Siverskij Donets al suo pieno potenziale per la fornitura di acqua in tutta la regione di Donetsk”, ha spiegato Pavlo Zhebrivskyi.

80 milioni di UAH dal bilancio dello stato e 100 milioni di UAH dal bilancio regionale sono stati spesi per ricostruire le strade. Quasi 2,4 miliardi di UAH sono stati accumulati nel bilancio speciale regionale per riconstruzzione delle infrastrutture. 173 milioni di UAH sono stati spesi l’anno scorso. “Attualmente, abbiamo firmato contratti per oltre 580 progetti e abbiamo iniziato l’attuazione di 332”, ha precisato Pavlo Zhebrivskyi. Le sfide principali in questo campo sono la mancanza di professionisti in progettazione e di preventivi di spesa, nonché di imprese di costruzione: la maggior parte di loro, infatti, si trovano nel Donetsk occupato e quindi devono essere invitati dalle altre regioni.

Assisteza medica
Con il finanziamento regionale sono state acquisite 60 ambulanze e aperti due centri di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica in Kramatorsk. È stata una necessità di urgenza dato il fatto che molte ambulanze e ospedali regionali si trovano nel Donetsk occupato.

Scuole

Le scuole nei pressi della linea del fronte, danneggiate dai bombardamenti, sono state in parte restaurate. Inoltre, a Mangush è stato rinnovato e inaugurato un asilo per 250 bambini. Nell’immediato futuro ci sarebbe la costruzione di una scuola nel centro di riabilitazione sociale “Città si Smeraldo” (“Smaragdove mistechko” in Ucraino). Inoltre, 14 di 21 scuole di supporto hanno già iniziato a funzionare. “Nel marzo lanceremo una scuola in Bylbasivka. Altre tre scuole, rinnovate e attrezzate, dovrebbero essere inaugurate ad Aprile. Entro il 1 settembre tutte queste 21 scuole e una scuola hub a Kramatorsk dovrebbero cominciare a funzionare pienamente”, ha dichiarato Pavlo Zhebrivskyi.

Sostegno alle piccole e media imprese

Attualmente, le piccole imprese contribuiscono solo con il 7% del PIL nella regione di Donetsk. Quest’anno dovrebbe essere lanciato un programma per incoraggiare i piccoli imprenditori. Il suo bilancio sarebbe di 50 milioni di UAH. “Offriremo uno stage nei paesi dell’Europa orientale per le persone che vorebbero iniziare le proprie attività. Sarà finanziato dall’UNDP. Dopo aver fatto tale esperienza i partecipanti al programma svilupperanno i propri piani aziendali e noi li sosterremo con le borse di UAH 200 – 250 mila”, ha concluso Pavlo Zhebrivskyi.

Condividi sui social network

Вконтакте Twitter
Più notizie sul tema