L’escalation al fronte – gli avvenimenti chiave nella zona dei combattimenti fra il 24 e il 30 aprile

L’escalation al fronte – gli avvenimenti chiave nella zona dei combattimenti fra il 24 e il 30 aprile
il 03 maggio 2017.

Il portavoce del Ministero della Difesa ucraino ha presentato il riassunto settimanale degli avvenimenti militari sul fronte nell’Ucraina dell’est, durante il periodo del 24-30 aprile.

La situazione militare al fronte è stata caratterizzata da una nuova escalation di ostilità. Le unità congiunte russo-militanti hanno sferrato un totale di 363 attacchi contro le truppe ucraine. Il numero degli attacchi registrato nella settimana precedente è stato pari a 251.

Nel periodo in questione nove militari ucraini sono stati uccisi in azione e 30 sono stati feriti in azione. Durante la settimana precedente le perdite erano ammontate a cinque militari uccisi e 19 feriti.

“L’intensità degli attacchi ostili è cresciuta del 30 per cento, mentre la percentuale dell’uso delle armi pesanti è cresciuta del 69 per cento. I militanti hanno lanciato una media di 147 proiettili al giorno verso le posizioni presidiate dalle truppe ucraine,” ha affermato Vilyen Pidgornyy, portavoce del Ministero della difesa ucraino in un briefing stampa presso l’Ukraine Crisis Media Center.

Il settore di Luhansk
La situazione bellica nel settore si è deteriorata drasticamente dopo che i militanti appoggiati dalla Russia hanno ripreso a dirigere fuoco d’artiglieria verso le posizioni ucraine. Le zone vicine a Stanytsia Luhanska e Popasna, così come Krymske, si sono trovate sotto un fuoco di media intensità. “Il numero più elevato degli attacchi è stato registrato nei giorni 26 e 28 aprile,” ha detto il portavoce del Ministero della difesa. Tra i vari tipi di armi usate sono risultati esserci anche mortai da 120mm e artiglieria da 122mm. I militanti hanno lanciato un totale di 79 attacchi nel settore di Luhansk durante la settimana in questione (pari a circa 21 per cento del numero totale degli attacchi in questo periodo).

Il settore di Donetsk
Nel settore di Donetsk le truppe russo-militanti hanno usato una vasta gamma di armi lungo tutta la linea di contatto. A Svitlodarsk e nei pressi dell’aeroporto di Donetsk sono stati registrati casi d’uso di armi montate sui veicoli corazzati da combattimento. Il 27 aprile i militanti appoggiati dalla Russia hanno sferrato un attacco sulle posizioni ucraine ad Avdiivka, durato due ore e portato avanti con l’uso di mortai e artiglieria. “Il giorno seguente, le truppe ucraine a Troyitske si sono trovate sotto il fuoco di artiglieria da 152mm e di mortai. Durante l’azione in questione i militanti equipaggiati dalla Russia hanno lanciato 60 proiettili,” ha detto Pidgornyy. Il numero totale degli attacchi ostili registrati nel settore durante la settimana in analisi è pari a 86 (il 23 per cento del numero totale di attacchi in questo periodo).

Il settore di Mariupol
Nell’arco della settimana in questione, il numero di violazioni della tregua nel settore di Mariupol da parte dei militanti appoggiati dalla Russia è stato il più rilevante nella zona dei combattimenti ed è ammontato a 198 attacchi – il 55 per cento del numero totale. Allo stesso tempo l’uso delle armi pesanti è stato inferiore rispetto al fronte. L’avversario ha regolarmente sferrato degli attacchi sulle truppe ucraine nella zona di Maryinka e verso le linee di difesa nel sud sulla costa del mar d’Azov.

Le forze armate ucraine hanno registrato 10 episodi di ricognizione aerea nel settore di Donetsk, svolta dall’avversario con l’ausilio di droni.

Secondo i dati dell’intelligence militare ucraina, la Russia avrebbe fornito tramite ferrovia circa 650 tonnellate di combustibile a Rovenky, nella regione di Luhansk. È stato anche registrato l’arrivo delle cosidette unità dei “cosacchi russi” a Donetsk. Sono arrivati dopo aver preso parte a intense esercitazioni militari nella zona di Kadamovsky, presso la regione di Rostov (Russia). Il 27 aprile è risultato essere entrato in territorio ucraino, non controllato dal governo, un convoglio di 31 camion, dei quali rimane sconosciuta la maggior parte del loro contenuto.

La popolazione civile
Quattro uomini civili sono stati feriti la settimana scorsa nella zona di combattimenti. “Tre di loro sono stati colpiti dal fuoco nemico a Maryinka, uno è stato ferito da una trappola esplosiva vicino a Zaitseve, nel settore di Donetsk,” ha informato il portavoce del Ministero.

Danneggiamenti all’infrastruttura civile
Il 29 aprile i militanti hanno sferrato un attacco sul cimitero di Popasna. Ventun tombe sono state danneggiate dai proiettili nemici. Il personale del Servizio statale dell’emergenza ha ritrovato nove frammenti di lanciarazzi Grad sul luogo dell’impatto. In seguito agli attacchi sono state danneggiate anche 20 case private e due edifici non residenziali nei settori di Donetsk e Mariupol.

Gli aiuti umanitari
Nel corso della settimana le autorità ucraine hanno organizzato l’accesso e il passaggio sicuro per 47 camion con gli aiuti umanitari per i civili nelle zone non controllate dal governo. Gli aiuti sono stati forniti dal Comitato internazionale della Croce Rossa, dal Rappresentante ucraino dell’Alto Commissario Onu per i rifugiati e da una fondazione caritativa. Gli aiuti hanno superato 900 tonnellate di alimenti, materiali per costruzione, prodotti per l’igiene personale e medicinali.

Condividi sui social network

Twitter