Kyiv
,

Un progetto artistico mira ad esplorare le realtà culturali nella Bessarabia ucraina

Kyiv, il 27 giugno 2017.

L’iniziativa per le spedizioni culturologiche nelle regioni ucraine “DE NE DE”, con il sostegno dell’International Renaissance Foundation, ha avviato un nuovo progetto il quale ha come scopo esplorare la zona di Bessarabia che fa parte della regione di Odesa. (La Bessarabia è quell’area geografica che comprende i territori della Moldova, e quelli ucraini delle regioni di Odesa e Cernivtsi). Il progetto avrà due fasi: durante la prima fase sarà esplorata la zona, nella seconda verranno scelte cinque città o cittadine nella regione di Odesa in cui saranno svolti i vari progetti culturali. “Abbiamo dedicato gli ultimi due anni all’Ucraina dell’est. Dopo che abbiamo trascorso tanto tempo lì, ci siamo resi conto che esiste un vuoto mediatico per quanto riguarda le altre regioni,” ha sottolineato Leonid Marushchak, curatore del Dipartimento artistico dell’Ukraine Crisis Media Center. La Bessarabia è un soggetto interessante per la ricerca in quanto è stato uno degli ultimi territori aggiunto alla Repubblica Socialista Sovietica Ucraina, ha spiegato Marushchak.

Secondo il direttore de “Le iniziative della società civile dell’Ucraina nuova”, un progetto dell’International Renaissance Foundation Stanislav Lyachynsky, lo scambio di idee può rafforzare l’unità del Paese. “È importante studiare l’ambito culturale delle regioni ucraine periferiche. Manterremo la nostra attenzione su alcune altre regioni che si trovano al confine del Paese o che sono multietniche – come Zakarpattya, Bukovyna (l’area geografica che comprende i territori della regione ucraina di Cernivtsi e alcuni territori della Romania – UCMC), il sud della regione di Odessa e la regione di Kherson,” ha detto Lyachynsky.

L’iniziativa “DE NE DE” mira a scoprire ed esplorare gli spazi pubblici, ripristinarne le funzionalità che avevano in precedenza e attirare l’attenzione pubblica sulla conservazione degli oggetti dell’arte monumentale – in modo particolare quelli appartenenti al periodo sovietico. Secondo l’artista Oleksandr Dolhy tali oggetti di arte monumentale spesso sono stati creati da artisti locali e continuano tutt’oggi ad avere un grande valore artistico. L’artista ha anche sottolineato che l’iniziativa cercherà anche di creare una nuova metodologia per tale esplorazione dei territori.

Leonid Marushchak ha spiegato perché la “DE NE DE” dedica molto tempo nello studiare città o regioni prima di intervenire con le proprie attività artistiche. “In questo modo abbiamo la possibilità di stare nel contesto locale e capirlo. Spesso andiamo in posti nei quali non conosciamo nessuno – come il mercato o i club, ad esempio” –  ha detto il curatore del Dipartimento artistico. Questi temi locali d’interesse possono essere ricercati nell’arco del progetto insieme ai vari partner, i quali potranno contribuire a programmi culturali più focalizzati.

Si possono seguire gli aggiornamenti del progetto attraverso la pagina Facebook dell’iniziativa “DE NE DE”.

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema