Il Servizio della sicurezza dell’Ucraina ferma un possibile attore nel caso MH17

Il Servizio della sicurezza dell’Ucraina ferma un possibile attore nel caso MH17
16 luglio 2019.

A fine giugno le forze speciali ucraine hanno fermato l’ex “comandante della difesa antiaerea” dei militanti appoggiati dalla Russia, Volodymyr Tsemakh, nella cittadina di Snizhne. Il fermo è avvenuto nel corso di un’operazione speciale svolta sul territorio non controllato dal governo ucraino nella regione di Donetsk. Tsemakh potrebbe essere un attore e un testimone prezioso nel caso della catastrofe del volo MH17, abbattuto vicino a Snizhne il 17 luglio 2014.

Le incriminazioni. Secondo BBC News, Volodymyr Tsemakh è attualmente in stato di fermo a Kyiv in qualità di sospetto. È stato incriminato di “istituzione di un gruppo terroristico o un’organizzazione terroristica” in base all’Articolo 258-3 del Codice penale ucraino. Se giudicato colpevole, Tsemakh potrebbe ricevere una condanna dagli otto ai 15 anni di reclusione. Intanto, il tribunale ne ha disposto la carcerazione preventiva di 60 giorni come una misura cautelare. Resterà recluso fino alla fine del mese di agosto.

Com’è stata svolta l’operazione speciale. BBC News riporta che le forze speciali del Servizio della sicurezza dell’Ucraina hanno fermato Tsemakh all’interno del territorio occupato nella regione di Donetsk, a Snizhne, lontano dalla linea di contatto. Snizhne dista 45 chilometri dalla linea del fronte e 80 chilometri dal punto di controllo più vicino presente sulla linea di contatto – quello di Mayorsk.

La figlia di Volodymyr Tsemakh, Maria, residente nel territorio occupato, ha confermato al servizio russo della BBC News che suo padre era stato fermato. È successo il 27 giugno nel suo apartamento a Snizhne. Successivamente è stato trasportato nel territorio ucraino controllato dal governo attraverso la linea di contatto. La prima ad avere notato la sua scomparsa è stata la moglie di Tsemakh – che tornata dal lavoro il 27 giugno ha visto in casa tracce di sangue in conseguenza di una probabile colluttazione. La famiglia ha tentato di rintracciarlo diverse volte. Il 28 giugno, i familiari, hanno ricevuto una lettera dall’avvocato a Kyiv che affermava che il giorno seguente il tribunale avrebbe preso in considerazione per Tsemakh una misura cautelare. Foto: BBC News. Volodymyr Tsemakh

Maria Tsemakh ha detto a BBC News che lega l’arresto di suo padre con il fatto che nel 2014 era “il comandante della difesa antiaerea” a Snizhne. “Ora tenteranno di dargli la colpa per il Boeing,” ha affermato Maria Tsemakh. “Lo hanno identificato come comandante della difesa antiaerea dall’ottobre 2014, solo perché all’epoca era l’unico specialista del genere. Quando venne abbattuto il Boeing, non era una figura chiave ma un semplice militare che faceva la guardia a un posto di blocco,” prosegue la figlia.

Le dichiarazioni ufficiali. Le agenzie statali ucraine non hanno rilasciato alcun commento sulla vicenda. “È un operazione troppo complicata,” ha detto l’ex-capo della Direzione principale investigativa del Servizio della sicurezza dell’Ucraina, Vasyl Vovk, in un commento alla Radio “Novoe Vremia” (I Tempi nuovi). Inoltre ha ricordato che la persona di cui hanno parlato i media non è ancora stata incriminata né dagli investigatori ucraini, né da quelli internazionali.

Per ricordare, il 19 giugno l’Ufficio della pubblica accusa dei Paesi Bassi ha incriminato per omicidio quattro sospetti nell’abbattimento del Boeing del volo MH17 in Donbas nel 2014. Sono i cittadini russi Igor Girkin (Strelkov), Sergei Dubinsky, Oleg Pulatov e un cittadino ucraino di nome Leonid Kharchenko. Sono stati emessi mandati dell’arresto internazionale che autorizzano il loro arresto. Il processo sul caso MH17 avrà inizio nel marzo 2020.

Il gruppo di ricerca internazionale Bellingcat, che utilizza le fonti aperte (OSINT), ha anche prodotto una relazione sull’arresto di Volodymyr Tsemakh e sulle implicazioni per l’inchiesta sul caso MH17. È disponibile in lingua inglese a questo link.

La foto principale: l’account Instagram del Servizio della sicurezza dell’Ucraina @Securityservice_ukraine

Condividi sui social network

Twitter
I tag: