Oleg Sentsov e Oleksandr Kolchenko alla prima conferenza stampa dopo il rilascio. Cos’hanno detto?

Oleg Sentsov e Oleksandr Kolchenko alla prima conferenza stampa dopo il rilascio. Cos’hanno detto?
25 settembre 2019.

Il 7 settembre i marinai ucraini e altri prigionieri politici del Cremlino sono tornati in Ucraina dalla Russia. Il loro ritorno è avvenuto nell’ambito di uno scambio di prigionieri denominato “i 35 per i 35”.

Sono tornati in Ucraina 24 marinai che la Russia aveva catturato nei pressi dello Stretto di Kerch nel novembre 2018 e altri 11 ostaggi del Cremlino – i cittadini ucraini illegalmente imprigionati in Russia. Si tratta di Oleg Sentsov, Roman Sushchenko, Pavlo Gryb, Mykola Karpiuk, Volodymyr Balukh, Stanislav Klykh, Oleksandr Kolchenko, Ievhen Panov, Edem Bekirov, Oleksiy Syzonovych e Artur Panov.

Fra le 35 persone che l’Ucraina ha consegnato alla Russia ci sono più di due decine di cittadini russi che si sono riconosciuti prigionieri di guerra e hanno scritto una lettera al Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, chiedendo di includerli nella lista per lo scambio. Altri sono cittadini ucraini condannati per alto tradimento, l’istituzione di gruppo terroristico o per la collaborazione con i militanti sostenuti dalla Russia o le autorità di occupazione della Crimea. Si tratta di Volodymyr Tsemakh – protagonista nel caso del volo abbattuto MH17, Valeriy Kirsanov e Kyrylo Vyshynskyi, capo dell’agenzia stampa “RIA Novosti Ucraina”.

Il 10 settembre 2019 il regista Oleg Sentsov e l’attivista Oleksandr Kolchenko hanno rilasciato la loro prima conferenza stampa dopo la liberazione.

Entrambi sono originari della Crimea e ciascuno ha trascorso più di cinque anni in prigione in Russia, essendo stati rispettivamente condannati a 20 e 10 anni di carcere in base a casi fabbricati. Durante la conferenza stampa a Kyiv Sentsov e Kolchenko hanno risposto alle domande che riguardavano l’aggressione della Russia e l’annessione della Crimea, l’arresto, lo scambio dei prigionieri, la situazione politica in Ucraina e i loro programmi futuri da uomini liberi. Pubblichiamo il riassunto della conferenza stampa.

Perché vi siete trovati dietro le barre?

Sia gli ucraini che la comunità internazionale sono stati convinti nell’innocenza di Sentsov e Kolchenko così come nel fatto che i loro casi penali sono stati fabbricati. Rispondendo alla domanda perché lui e Oleg Sentsov sono stati arrestati, Oleksandr Kolchenko ha detto: “Credo che sia stata una casualità. Chiunque allora avesse preso parte nelle proteste e che si opponesse all’offensiva verso le libertà civili sarebbe potuto trovarsi al posto mio. In più avevo trascurato le misure di cautela.”

“Sashko (Oleksandr) è stato fermato mentre passava per il palazzo del Servizio federale della sicurezza (Fsb) e beveva birra. Per un rivoluzionario professionista è stato un fallimento (ride),” ha aggiunto Sentsov. Anche lui è convinto che non è stato scelto appositamente, è stato fermato nel modo casuale.

La Russia e i prigionieri politici

Sentsov ha ringraziato tutti nei vari Paesi per il sostegno ricevuto e per averli salvati. Ha ricordato che molti prigionieri di coscienza ucraini rimangono ancora dietro le barre in Russia. Inoltre ha promesso di fare tutto il possibile per farli liberare.

“Da parte mia metterò ogni sforzo (per far liberare i prigionieri politici ucraini). Oltre ai nostri prigionieri in Russia ci sono dei russi che anche lottano per se stessi, per la loro Russia libera e per la nostra Ucraina come veri fratelli. Sapete bene cosa sta accadendo lì, parlo degli arresti recenti e dei processi veloci. Vorrei che non ci dividessimo. Sono prigionieri del Cremlino anche loro,” ha detto Sentsov.

Tornarsi in Crimea

Entrambi gli ex-prigionieri politici sono originari della Crimea. I giornalisti gli hanno chiesto se intendessero tornarsi nella penisola. Foto: Ebazer Pinkhas per krymr.org. Oleksandr Kolchenko arrivato a Kyiv con altri prigionieri politici ucraini nell’ambito dello scambio “i 35 per i 35”.

“Finché Putin resta al potere, non ho intenzione di tornare in Crimea,” ha risposto Kolchenko.

Sentsov ha detto: “Tornerei lì solo con i carri armati. Ma non prendete le mie parole letteralmente.”

Sentsov entrerà in politica?

Rispondendo alla domanda dei giornalisti durante la conferenza stampa se Sentsov pensa di entrare in politica, ha risposto che fosse grato ai politici che durante i cinque anni dell’incarceramento non l’avevano contattato. “Al momento è una questione aperta. Non ho ancora deciso. È successo così che non sono una figura pubblica ma la vita mi ha fatto famoso e ne sento la responsabilità. Farò quello che posso per il mio Paese,” ha detto il regista.

Sull’avanzamento dello scambio dei prigionieri e sul fare la pace con la Russia 

I giornalisti hanno chiesto a Sentsov perché secondo la sua opinione non era possibile scambiare i prigionieri del Cremlino prima. Ha risposto così: “Il lavoro si svolgeva costantemente su tutti i livelli, ma la Federazione Russa non è un sistema in grado di arretrarsi, e così non si sono indietreggiati. A Putin non gli interessano le persone, il suo interesse è le proprie ambizioni. Sono molto contento che il governo precedente non si è ceduto a Putin. È difficile contrattare con Putin.” Foto: www.president.gov.ua. Oleg Sentsov al suo arrivo a Kyiv dopo lo scambio dei prigionieri fra l’Ucraina e la Russia.

Allo stesso tempo ha messo in risalto i compimenti delle autorità attuali. “Con l’insediamento delle nuove autorità (ucraine) la Russia ottiene la possibilità di rilanciare queste relazioni. Anche il Presidente Zelenskyi sta facendo un passo incontro. Vedo che vuole risolvere questo conflitto per il bene del Paese con tutta la sincerità, senza che si perdano gli interessi ed è giusto. Come ho già detto, meglio cent’anni di trattative che un giorno della guerra.”

“Per quanto riguarda (l’affermazione che) la Russia vuole la pace, anche se il lupo indossa la pelle dell’agnello ha i denti sempre acuti, ne siate sicuri. Non ci credete. Io non ci credo.”

“A Putin è più semplice rinunciare al Cremlino che alla Crimea,” ha detto Sentsov.

Lo sciopero della fame, il diario dello sciopero e il secondo tentativo programmato

Oleg Sentsov e Oleksandr Kolchenko hanno parlato dei loro scioperi della fame in carcere. Kolchenko è stato in sciopero della fame per 10 giorni, Sentsov per 145 giorni. Ciascuno di loro l’ha interrotto dopo aver dovuto affrontare le minacce di alimentazione forzata.

Sentsov ha detto che mentre stava attraversando questa esperienza drammatica la descriveva nel suo diario: “Scrivevo il diario, sarà pubblicato prima o poi, parlerà di tutto questo.”

Sentsov ha aggiunto che il suo sciopero della fame aveva raggiunto la meta, è riuscito a mettere a fuoco i prigionieri politici nella Federazione Russa. “È la mia pietra con cui ho contribuito al lavoro comune. Stavo solamente attirando attenzione per la situazione in cui si trovano tutti i prigionieri.”

Il regista ucraino ha anche raccontato che intendeva iniziare il secondo sciopero della fame nel maggio 2019. Quella volta invece voleva iniziare il digiuno dopo aver preso il massimo peso (nel corso del suo primo sciopero della fame Sentsov rifiutava il cibo gradualmente ed ha annunciato ufficialmente lo sciopero della fame quando si è abituato ad accontentarsi con la piccola quantità del cibo al giorno).

Scrivere lettere ai prigionieri politici

“Non ho buttato via nessuna lettera, le ho portate tutte con me. Non le sto rileggendo ma mi sono molto care e le conservo,” ha detto Sentsov.

Il regista ha anche detto che aveva portato 22 chilogrammi di carta dalla colonia penale in Ucraina – sono le lettere, i libri e 15 quaderni con i suoi scritti.

“A qualsiasi prigioniero ricevere lettere in carcere è la cosa più importante. Puoi non mangiare un giorno, si potrebbe non arrivare un pacco ma tutti aspettano le lettere. Quindi scrivetele, di qualsiasi cosa. Danno un grande sostegno,” ha detto Sentsov aggiungendo che ha tentato di rispondere a tutte le lettere.

Su Volodymyr Tsemakh, un attore nel caso MH17, scambiato con la Russia per Sentsov e altri prigionieri

Sentsov ha detto che ha sentito il nome di Tsemakh per la prima volta a bordo dell’aereo diretto da Mosca a Kyiv in cui stava assieme agli altri ucraini liberati. (Chi è Volodymyr Tsemakh? Leggete l’articolo: “Il Servizio della sicurezza dell’Ucraina ferma un possibile attore nel caso MH17”).

“Il consulente del Presidente mi ha approcciato per chiedere se ero contro questo scambio. Gli ho detto che fosse la prima volta che ne sento. Poi ho letto delle notizie che ne parlavano. Mi è difficile commentare questa situazione. Non mi piace commentare le azioni di altre persone. C’è il Presidente, la persona incaricata dagli ucraini con tali poteri e che gode della loro fiducia. Ha più informazioni rispetto a me e a voi. Ha approvato questa decisione, quindi era necessario,” ha detto Sentsov.

Valutazione della situazione politica in Ucraina

Rispondendo alla domanda come valuta i cambiamenti politici in Ucraina Sentsov ha risposto: “Non mi piace fare conclusioni veloci e pronunciare parole clamorose. Devo capirlo, per ora è difficile. Dalle lettere delle persone di cui mi fido deduco che ci siano difficoltà, non vada tutto bene, molte cose non sono state realizzate o sono state realizzate male. In generale il Paese si sta muovendo e si muove nella direzione corretta.”

“Non credo che appartengo al gruppo di Zelenskyi o a qualsiasi altro gruppo. Sono per conto mio,” ha aggiunto Sentsov.

I programmi futuri

Rispondendo alla domanda dei giornalisti sui programmi per il futuro, Oleksandr Kolchenko ha detto: “Ho già deciso che riprenderò gli studi all’Università nazionale Tavriyskyi (spostata dalla Crimea a Kyiv – UCMC), dove studiavo prima dell’arresto. Ci avevo già studiato per due anni a distanza part-time. (Ha studiato la geografia – UCMC).”

Oleg Sentsov ha detto: “Intendo fare le due cose più belle nel mondo: fare i film e vivere.”

Foto: www.the-village.com.ua. Oleg Sentsov e Oleksandr Kolchenko durante la loro prima conferenza stampa dopo la liberazione.

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema