Kyiv
,

Scrittore Serhiy Zhadan istituisce fondazione caritativa perché l’est sia una parte integrale dello spazio culturale ucraino

Kyiv, il 30 gennaio 2017.

La fondazione caritativa di Serhiy Zhadan svolgerà attività nel settore umanitario. Si tratta dell’aiuto nell’ambito culturale, formativo e medico alle città e cittadine vicine alla linea del fronte. Lo ha affermato Serhiy Zhadan, poeta, scrittore e musicista ucraino, volontario, co-fondatore della fondazione in una conferenza stampa presso l’Ukraine Crisis Media Center. “In questi più di due anni abbiamo portato nel Donbas qualche tonnellata di libri, abbiamo dato sostegno a decine di scuole, asili, orfanotrofi, biblioteche e ospedali. Abbiamo organizzato dei festival e concerti, e ad un certo punto abbiamo capito che questo è un processo che riguarda la prospettiva futura e non è legato solamente alla guerra. Se vogliamo vedere l’est dell’Ucraina una parte integrale dello spazio culturale e politico del Paese, dobbiamo agire nel modo più sistematico e massiccio. Per questo abbiamo deciso di fare una registrazione ufficiale,” ha spiegato Serhiy Zhadan.

Partecipanti della fondazione hanno già pianificato alcuni eventi tra cui presentazioni letterarie e performance musicali. I fondi ottenuti saranno indirizzati a sostenere le famiglie dei militari ucraini caduti. La fondazione svolgerà anche programmi formativi per bambini. “Negli ultimi anni abbiamo portato giocattoli, attrezzatura sportiva, libri, ora intendiamo offrire assistenza non-materiale. Organizzeremo dei programmi formativi che tra l’altro introduranno le professioni nuove, sottovalutate nel Donbas, come quelle del settore IT e agricoltura,” ha raccontato Oleg Abramychev, co-fondatore e volontario della fondazione.

“Stiamo facendo degli sforzi enormi perché l’est del Paese non si senta extra-ucraino. Perché neanche ammettano il pensiero che se ne frega del loro destino. Noi siamo la gente che ci tiene all’est. Non possiamo non andarci perché sentiamo la propria responsabilita. Quando puoi fare qualcosa per il tuo Paese e non lo fai, è un reato del cittadino,” si è espressa cantautrice, conduttrice tv, attivista e volontaria Anzhelika Rudnytska.

Ivan Lenio, musicista, uno dei leader del gruppo Kozak System, ha fatto notare che la fondazione anche mira ad entrare nella discussione con organizzazioni esistenti che non sempre stanno dalla parte dell’Ucraina. “Dietro ogni azione buona o brutta c’è qualche nome. Sappiamo quante brutte cose hanno fatte le persone i nomi di cui sentiamo spesso, e quanto poco conosciamo coloro che stanno facendo delle cose buone. In contrasto con tutte quelle organizzazioni menzionate,” ha detto Lenio.

Condividi sui social network

Вконтакте Twitter
Più notizie sul tema