Kyiv
,

Cappellani riceveranno posti ufficiali nelle unità militari della Guardia nazionale

Kyiv, il 17 febbraio 2017.

Fin dall’inizio della guerra nell’est dell’Ucraina i sacerdoti di diverse confessioni religiose offrono sostegno spirituale ai militari. Il servizio religioso nella prima linea del fronte è prestato in maggioranza da volontari. La Guardia nazionale ucraina introduce posti ufficiali di cappellani regolando così la presenza di sacerdoti tra le unità militari.

A partire dal 20 febbraio, i sacerdoti di diverse confessioni potranno essere ufficialmente assunti presso la Guardia nazionale con un contratto. Avranno l’opportunità di lavorare nelle unità militari sia a tergo che nelle zone vicine al fronte.

Come sarà il servizio di cappellani

A livello centrale ci sarà il Servizio per il clero militare presso la Guardia nazionale ucraina responsabile per il servizio di cappellani, al livello regionale ci saranno gli ufficiali responsabili per il clero militare presso i dipartimenti centrali regionali. Presso le unità della Guardia nazionale ucraina sono stati creati 44 posti per i cappellani militari.

Oleksandr Izdebsky, colonnello, capo del servizio di cappellani presso la Guardia nazionale ucraina, ha affermato che nel territorio delle unità militari saranno costruite delle chiese. Saranno anche costruiti le chiese mobili mirate alla zona dei combattimenti.

Cappellano per tutte le confessioni

“Il cappellano che verrà nella Guardia nazionale presterà servizio come prete per tutti: nell’unità militare ci saranno fedeli di confessioni diverse. Non è possibile però organizzare il servizio in modo che ci siano cappellani di confessioni diverse in ogni unità. Ecco perché il prete deve essere molto tollerante e attento nel suo atteggiamento a tutte le confessioni,” ha detto l’Arciprete Lyubomyr della Chiesa greco-cattolica ucraina incaricato agli affari delle forze dell’ordine.

Il risultato per i militari

Oggi presso la Guardia nazionale lavorano come volontari 67 preti, la maggior parte dei quali prestano servizio nella zona dei combattimenti. Secondo i sacerdoti, la loro presenza aiuta davvero i militari. “La presenza del prete militare, cappellano o pastore fa un effetto molto positivo sul morale del collettivo, ogni militare e la sua efficienza bellica,” ha fatto notare il metropolita Ioann di Cherkasy e Chyhyryn, capo del dipartimento sinodale del clero militare della Chiesa ortodossa ucraina del patriarcato di Kyiv.

“Molti militari in partenza per la zona dei combattimenti spesso non sono credenti. Appena arrivati nella zona dei combattimenti, quasi il 100 per cento di loro diventano credenti e si rivolgono ai preti,” ha raccontato l’Arciprete Ivan, vice capo del dipartimento sinodale del clero militare della Chiesa ortodossa ucraina patriarcato di Kyiv, incaricato alla cooperazione con la Guardia nazionale ucraina.

Preparazione speciale

I preti che prestano servizio presso le strutture delle forze dell’ordine parteciperanno al corso preparatorio. Attualmente questa preparazione è organizzata dalle stesse strutture religiose. “I preti partecipano a un corso di medicina tattica. Partono con la cassetta di pronto soccorso militare e sanno usarla, sanno salvare i feriti dal campo dei combattimenti, sanno come comportarsi in un campo minato,” ha raccontato il Metropolita Ioann. Sono anche istruiti a lavorare con i soldati prima e dopo i combattimenti, aiutarli a farli uscire dagli stati di trauma psicologico.

Condividi sui social network

Вконтакте Twitter