Kyiv
,

L’Ucraina ha soddisfatto il 60% delle esigenze anticorruzione di partner stranieri

Kyiv, il 11 luglio 2017.

Il Centro per la lotta alla corruzione ha presentato lo  strumento online in lingua inglese che consente di monitorare l’adempimento delle esigenze dei partner internazionali, relative  alla lotta alla corruzione da parte dell’Ucraina. Sul sito si trova l’elenco dei principali requisiti anticorruzione e documenti, dove vengono stabilite queste esigenze. ” Per i donatori principali della riforma anticorruzione, l’Unione europea e il Fondo Monetario Internazionale, è importante  vedere i cambiamenti e lo svolgimento delle  indagini anticorruzione”, ha detto il Direttore esecutivo del Centro per la lotta alla corruzione Daria Kaleniuk nel corso della conferenza stampa presso l’UCMC.

Come funziona?

Sulla nuova pagina web  tutte le esigenze di anticorruzione sono state raccolte in 4 gruppi principali: le indagini di corruzione e perseguimento (corruption investigation and prosecution), la restituzione dei beni (asset recovery), la prevenzione  della corruzione (corruption prevention), accesso all’informazione (access to information), appalti pubblici (public procurement).  L’accesso alle informazioni è l´ultimo gruppo, ma non meno importante, dei requisiti anti-corruzione. “La società e i giornalisti hanno bisogno di sapere chi e quale proprietà ha in Ucraina”, ha riportato Kaleniuk.

“Le Stalle di Augia” dell´anticorruzione in Ucraina

 L’Ucraina ha soddisfatto finora 20 delle 35 esigenze dei partner internazionali. Queste esigenze del FMI sono  legate  all’introduzione del regime visa free. Ma adesso c’è una tendenza a ripristinare i vecchi schemi di corruzione e a screditare gli organi di anticorruzione. A causa dell´adempimento di questi requisiti, l’Unione Europea ha abolito per gli Ucraini i visti d’ingresso di breve termine per turismo sul territorio di molti stati europei. “La liberalizzazione dei visti con l’UE è una cosa molto buona. Adesso i funzionari ucraini devono trovare un’altra motivazione “, ha riportato Serhiy Leshchenko, il Deputato del Parlamento ucraino, membro del Comitato della Verkhovna Rada dell’Ucraina per i problemi della lotta e prevenzione  della corruzione.

Uno dei requisiti non ancora soddisfatto dalla parte ucraina è la creazione della Corte Indipendente di anticorruzione, che richiede la piena implementazione delle condizioni del FMI. “I nostri tribunali sono totalmente corrotti. Abbiamo degli osservatori all’udienza e loro vedono che questi processi sono  manipolati, ” ha dichiarato Leshchenko.

Hanna Hopko, il Deputato del Parlamento ucraino, Capo della commissione parlamentare per gli affari esteri, ha sottolineato la necessità di evitare il ritorno al passato. Molte persone sono interessate al funzionamento efficiente dell’Agenzia Nazionale di Anticorruzione dell’Ucraina (NABU). “Ci auguriamo che i membri possano contribuire al monitoraggio della situazione e approvare i documenti nuovi,”  ha riportato la signora Hopko.

 

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema