Kyiv
,

Pressione da parte di società civile e partner occidentali porteranno a termine gli obbiettivi del Maidan – esperti

Kyiv, 22 novembre 2016.

Oggi la maggioranza di esperti definiscono l’Euromaidan come la Rivoluzione della dignità – la rivoluzione verso la democratizzazione e il vettore europeo dello sviluppo. La maggioranza assoluta è dell’opinione che il Maidan ha vinto, ma che gli obiettivi della rivoluzione sono stati raggiunti solo in parte. I risultati più scarsi si sono ottenuti nella lotta contro la corruzione sistematica. Questi sono i risultati del sondaggio “Anniversario del Maidan: le lezioni apprese e lo sguardo nel futuro” svolto dalla Fondazione Ilko Kucheriv “Iniziative democratiche” (Ilko Kucheriv Democratic Initiatives Foundation). La ricerca si è svolta tra l’11 e il 18 novembre 2016, periodo in cui gli organizzatori hanno intervistato 69 esperti. L’ha affermato Iryna Bekeshkina, direttrice della Fondazione, avviando la discussione presso l’Ukraine Crisis Media Center dedicata al terzo anniversario dall’inizio della Rivoluzione della dignità.

Secondo i partecipanti alla discussione, la rivoluzione di fatto continua. “Maidan ora non è la gente in piazza. Maidan sta entrando nella sfera della politica, dell’economia, nelle iniziative della società civile e negli affari esteri,” ha fatto notare Bekeshkina.

Compimenti (l’hastag #Перемога, in ucraino: vittoria): la scelta europea, prime riforme, rafforzamento della società civile

Tra gli obiettivi raggiunti, la maggioranza assoluta degli esperti punta sul rinnovamento del vettore europeo del Paese e sulla firma dell’Accordo di associazione con l’Ue, l’abbattimento del regime di Yanukovych, il rilancio parziale della dirigenza pubblica attraverso rappresentanti della società civile e del business che si sono impegnati come deputati e ufficiali. Gli esperti fanno inoltre notare i primi passi nella lotta con la corruzione ad alti livelli come l’istituzione dell’Agenzia nazionale per la prevenzione della corruzione, le autorità nazionali anticorruzione, l’ufficio del procuratore anticorruzione e il lancio del sistema di dichiarazione telematica dei redditi dei funzionari pubblici. “Secondo l’opinione di alcuni esperti occidentali sui cambiamenti avvenuti, l’Ucraina ha approvate tali riforme per la prima volta. Il problema è che le riforme creano una base per i cambiamenti istituzionali, ma i risultati tarderanno a farsi notare, la gente non lo sente ora,” ha detto Oleksiy Garan, direttore scientifico della Fondazione Ilko Kucheriv “Iniziative democratiche”, professore di scienza politica presso l’Università Nazionale “Accademia Mohyla” di Kyiv.

Secondo il direttore Garan, uno dei compimenti chiave del Maidan è il ritorno alla Costituzione del 2004: le possibilità per costruire un modello autoritario di dirigenza pubblica sono state eliminate così. Allo stesso tempo incombe la minaccia del confronto tra i centri del potere, così come avvenne a seguito della Rivoluzione arancione.

Nel settore economico l’Ucraina “non ha ancora raggiunto il punto di non ritorno (raggiunto il quale non si può tornare indietro), ma ha probabilmente registrato il progresso più grande degli ultimi 25 anni,” ha detto Pavlo Kukhta, vice capo del gruppo strategico di consulenti per le riforme in Ucraina. Secondo l’indice VoxUkraine si osserva una tendenza costante per i cambiamenti positivi ma molto lenti. Un’esperta ha fatto notare che i problemi economici e il calo della qualità di vita non possono essere considerati una conseguenza diretta del Maidan; tali problematiche si sono via via accumulate dalla crisi del 2008-2009.

Il risultato più positivo indicato dagli esperti è il rafforzamento della società civile e l’emergere del movimento potente dei volontari in tutti i settori, dall’aiuto all’esercito alle organizzazioni esperte che disegnano la politica delle riforme per i diversi settori. Tuttavia, il paternalismo dell’ucraino medio rimane, ha fatto notare Iryna Bekeshkina. Ma ciò si è trasformato dalle speranze verso i leader politici alle speranze verso la società civile.

L’esperta Oleksiy Garan e Yevhen Bystrytsky, direttore esecutivo dell’International Renaissance Foundation, hanno espresso un’opinione secondo cui nel contesto storico più ampio il risultato più importante ottenuto dal Maidan è la formazione della nazione politica ucraina.

Fallimenti (l’hashtag #Зрада, in ucraino: tradimento): lotta contro la corruzione sistematica

La sfida più grande resta la lotta contro la corruzione sistematica. Anche se la base istituzionale e legislativa per questo è stata fatta, il sistema sta opponendo una forte resistenza. “Combattere contro la corruzione significa, in primo luogo, cambiare il sistema, e, in secondo luogo, cambiare la gente. È naturale che la gente non voglia andarsene,” ha detto Bekeshkina. “No ce la faremo senza la pressione seria da parte di società civile e di partner internazionali”.

In secondo luogo, i responsabili dei crimini contro i partecipanti del Maidan non sono stati ancora processati. Tantomeno sono stati processati per corruzione e altri crimini i rappresentanti del regime precedente.

La pretesa del Maidan sulle elezioni in base alle liste aperte dei partiti non è stata implementata. Secondo Garan, è poco probabile che il parlamento attuale voti a favore di questi cambiamenti.

Cosa avviene dopo?

Secondo Oleksiy Garan, le elezioni anticipate non porteranno a un miglioramento della situazione. La maggioranza degli ucraini non crede che un nuovo parlamento lavorerà meglio.

La maggioranza degli esperti intervistati concordano nell’affermare che nella prospettiva a breve termine la ripetizione del Maidan è impossibile, il massimo saranno le proteste contro le cose specifiche. Allo stesso tempo con le riforme invisibili e il peggioramento della situazione economica, nella società montano stanchezza e frustrazione. “Se riusciremo a compiere le riforme economiche, ce la faremo nel nostro Paese. In caso contrario, sarà difficile persino immaginare le possibili conseguenze,” ha detto Bekeshkina.

L’unica via verso la vittoria è svolgere pressione sulle autorità insieme ai partner occidentali

Gli esperti concordano unanimemente sul fatto che sarà possibile raggiungere la vittoria completa del Maidan solo attraverso la pressione costante sul sistema da parte della società civile e dei partner occidentali. “Non c’è altra via uscita che svolgere pressione e controllare le autorità. Questo metodo non è veloce, è controverso e molto doloroso. Spesso è più facile esigere che le autorità se ne vadano, invece di promuovere le leggi e cercarne il sostegno nel potere esecutivo. Ma io penso che questa sia l’unica via possibile nella situazione in cui ci troviamo,” ha aggiunto Oleksiy Garan.

Secondo Yevhen Bystrytsky, il motore principale dei cambiamenti saranno i giovani, rappresentanti della società civile. “Parte di loro è entrata nel parlamento, alcuni lavorano come volontari, c’è chi consiglia la politica delle riforme e le sta promuovendo. Devono sostituire in un modo o nell’altro coloro che non sono capaci di fare riforme. Sono il futuro del Maidan,” ha detto Bystrytsky.

Aspetto internazionale

Volodymyr Ogryzko, diplomatico ucraino, il Ministro ucraino per gli affari esteri nel 2007-2009, ha sottolineato che il sostegno dei partner occidentali dipenderà direttamente dal progresso delle riforme. “Se non si comincerà dalla lotta reale contro la corruzione, la deregolamentazione dell’economia, la riforma del sistema giudiziario e da altre riforme, i diplomatici non riusciranno a fare niente,” ha sottolineato Ogryzko.

L’obiettivo principale che l’Ucraina si prefigge nel campo internazionale è di cambiare l’approccio reattivo nella politica estera del Paese per quello proattivo. “Ciò significa che dobbiamo formare noi l’ordine del giorno che risulterà vantaggioso per l’Ucraina. Dobbiamo dire chiaro e tondo ai nostri garanti che pretendiamo una presa di accordi di sicurezza bilaterali e l’aiuto militare pratico e reale. I firmatari del Memorandum di Budapest (l’accordo tra l’Ucraina, la Russia, gli Stati Uniti e il Regno Unito firmato nel 1994, secondo il quale l’Ucraina ha rinunciato alle proprie armi nucleari in cambio delle garanzie di sicurezza da parte degli altri firmatari dell’accordo – UCMC) non furono i secondi segretari ma i presidenti. È il documento dal più grande peso politico,” ha sottolineato Ogryzko.

Gli esperti hanno definito una grande vittoria strategica nel campo internazionale la risoluzione dell’Onu sulle violazioni dei diritti umani nella Crimea che usa il termine “occupazione” per la prima volta. è importante che l’abbiano sostenuta Paesi come l’India e la Cina.

Condividi sui social network

Twitter
Più notizie sul tema