Kyiv
,

Un virus informatico colpisce le agenzie statali e le grandi reti commerciali in Ucraina

Un virus informatico colpisce le agenzie statali e le grandi reti commerciali in Ucraina
Kyiv, il 27 giugno 2017.

Il 27 giugno una seria di agenzie statali, le banche commerciali, le reti commerciali e alcuni media ucraini sono stati colpiti dal virus informatico Petya.A. Il virus attacca i computer che operano nel sistema Microsoft Windows ed è una versione del virus WannaCry che ha recentemente colpito il resto del mondo.

Secondo il media ucraino Economichna Pravda fra le vittime dell’attacco (avvenuto alle ore 14:55 di Kyiv) ci sono il Gabinetto dei ministri ucraino (il governo), il Ministero dell’infrastruttura, Ukrposhta (le poste ucraine, un’azienda statale), Ukrenergo e Kyivenergo (un’azienda statale e una comunale per l’energia, Ukrtelecom (un’azienda privata di telecomunicazioni), alcune banche statali come Oshchadbank e banche commerciali come Pivdenny, PUMB, OTP Bank, la rete dei supermercati per i materiali di costruzione Epicenter, i servizi postali privati Nova Poshta, l’emittente pubblico UA:Pershy, il canale televisivo privato Inter, il media online “Korrespondent” ecc.

Alla centrale nucleare di Chornobyl è stato fermato il sistema elettronico per lo scambio di documenti. Secondo il capo del turno presso la centrale, ció non costituisce una minaccia nucleare o alcun malfunzionamento della centrale stessa.

Secondo le vari segnalazioni, il virus colpisce sia le reti interne delle organizzazioni sia i siti web di esse, che non rimangono più accesibili per gli utenti.

Il dipartimento della cyber-polizia della Polizia nazionale ucraina informa che (alle 16:40, le ore di Kyiv) ha ricevuto 22 segnalazioni degli attacchi. Il sito del dipartimento stesso non è accessibile (alle 17:00, le ore di Kyiv).

Secondo le informazioni del Servizio di sicurezza ucraino, riportate dall’Economicna Pravda, gli attacchi sono stati organizzati dal territorio della Russia o dai territori occupati nell’Ucraina dell’est.

Foto: ain.ua

Condividi sui social network

Twitter