Giorno 717: un nuovo capo dell’esercito ucraino, le ripercussioni della carenza di munizioni dell’Ucraina sul campo di battaglia, una visione di un mercato comune della difesa tra l’Ucraina e l’UE

Zelenskyi licenzia Zaluzhnyi, nomina Syrskyi capo dell’esercito. Giovedì il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi ha rimosso dal suo incarico il generale Valeriy Zaluzhnyi, Comandante delle Forze Armate ucraine. Al suo posto Zelenskyi ha nominato il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, che finora aveva guidato le Forze terrestri. In un messaggio pubblicato sui social, Zelenskyi sostiene di aver discusso con Zaluzhnyi del rinnovamento che serve alle Forze Armate ucraine e su chi potrebbe far parte dei rinnovati vertici militari. “Il momento per un tale rinnovamento è adesso”, afferma il presidente. Seguite il link per la notizia dettagliata in lingua inglese.   

La carenza di munizioni dell’Ucraina mina la sua capacità di condurre una sufficiente guerra di controbatteria, afferma l’Institute for the Study of War. Un ritardo nel consegnare l’assistenza militare occidentale all’Ucraina inasprisce ulteriormente la carenza di munizioni e mina la capacità dell’Ucraina di usare i sistemi di controbatteria occidentali ad alto valore. È quanto ha reso noto il centro di analisi americano l’Institute for the Study of War, in un rapporto pubblicato il 5 febbraio.

Le forze russe hanno fatto guadagni confermati vicino a Kupyansk, Kreminna, Adviyivka e a nord-est di Bakhmut nel corso di continui combattimenti di posizione lungo l’intera linea del fronte, si legge inoltre nell’analisi.

Occorre un mercato comune della difesa tra l’Ucraina e l’UE, afferma il Ministro degli Esteri ucraino. “Dobbiamo creare qualcosa simile a un mercato comune tra le industrie della difesa [ucraine e quelle dell’UE],” ha detto il Ministro degli Affari Esteri ucraino Dmytro Kuleba in una conferenza stampa congiunta con il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell a Kyiv il 7 febbraio.

“Bisogna che i governi [dei Paesi membri dell’UE] firmino contratti a lungo termine con i produttori di proiettili nell’Unione Europea. Bisogna che i produttori ucraini e quelli europei collaborino più intensamente e aumentino la loro produzione. Dobbiamo togliere tutti gli ostacoli amministrativi,” ha detto Kuleba. Seguite il link per la notizia dettagliata in lingua inglese.  

Gli ucraini sono stanchi dalla guerra che la Russia ha imposto a loro quasi dieci anni fa? Un intervento di Volodymyr Yermolenko, filosofo, scrittore e presidente di Pen Ucraina e Tetyana Ogarkova, accademica e giornalista, capo del dipartimento internazionale dell’Ukraine Crisis Media Center al Théâtre du Soleil per la serata dal titolo “Russia, fuori dall’Ucraina!”. Un episodio del podcast “L’Ukraine, face à la guerre” (L’Ucraina: di fronte alla guerra) è disponibile in lingua francese a questo link.

L’Indice di guerra 2023 compilato dal centro di analisi ucraino Ukrainian Studies of Strategic Research esamina i conflitti nel mondo, evidenziando la loro rilevanza per la sicurezza regionale e globale. Un video servizio “Ukraine in Flames” (Ucraina in fiamme) è disponibile in lingua inglese a questo link.

Foto: l’amministrazione comunale di Kyiv. L’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell visita una zona residenziale di Kyiv colpita nel corso di un massiccio attacco russo la mattina del 7 febbraio, giorno che ha coinciso con la sua visita ufficiale nella capitale ucraina. Quattro persone sono state uccise e almeno altre 40 sono rimaste ferite dopo che i detriti di un missile sono precipitati su un palazzo residenziale di 18 piani nel quartiere Holosiyivskyi di Kyiv. Quel giorno la Russia ha lanciato 64 tra missili e droni su cinque regioni ucraine, tra cui quelle di Kyiv, Kharkiv, Mykolayiv, Lviv e Dnipro.